Recupero dati di RAID proprietari

Recupero dati di RAID proprietari

Esistono architetture raid non standard definite o implementate da aziende che solitamente producono sistemi di archiviazione o controller; tutte queste strutture Raid non standard sono brevettate e presentano particolarità uniche che, vanno a rendere impossibile un recupero dati con software e, necessitano di un'analisi strutturale ad hoc per fare un qualsiasi tipo di intervento:

RAID 6

Come visto in precedenza questo livello non è standard ed è poco diffuso nonostante gli alti livelli di ridondanza grazie alla doppia parità, chiamata anche parità diagonale

RAID 7

Il Raid 7 è una soluzione molto costosa che però, offre alte prestazioni, ideato dalla Storage Computer Corporation che, fondamentalmente aggiunge alle prestazioni dei RAID 3 o RAID 4 l'operazione di caching (o memoria cache), allo scopo di memorizzare informazioni utili per recuperare facilmente quelle perse. Questo livello è l'unico modello commerciale che ha integrato una CPU interna con operazioni di striping e il livello di RAID 5.

RAID-Z

Abbiamo parlato in precedenza di questo tipo di Raid a proposito di una possibile soluzione all'effetto white hole nel livello uno, cinque e sei;  in realtà è più appropriato parlare del RAID-Z come una tecnologia software di ottimizzazione e protezione delle informazioni, implementata nel file-system ZFS per gestire la memorizzazione e il recupero dei dati

Il file-system open source di 128 bit, è stato ideato dalla Sun MicroSystems per il sistema operativo Solaris, anche esso open source Il ZFS oltre ad utilizzare il metodo di archiviazione Logical Volume Menagement, esegue la funzionalità, chiamata RAID-Z appunto, che permette di ridurre il problema del white hole, tipico del Raid 5 e 6; questo è possibile, grazie al metodo write-on-copy che, prevede la sovrascrittura definitiva dei dati solo in seguito al termine di una scrittura della stripe andata a buon fine

In tal modo, si evitano le operazioni di lettura, modifica e scrittuta di stripe di piccole dimensioni in quanto, vengono scritte direttamente solo le stripe complete. I blocchi di stripe di piccole dimensioi vengono viste dal file system ZFS come delle parità mirroring Per soddisfare le necessità della doppia parità, caratteristica del Raid 6, è stato ideato anche il ZFS 2, in grado di mantenere i dati anche con due errori di unità. 

LINUX MD RAID 10

Si tratta di un software Raid per il sistema operativo Linux, utilizzato principalmente per la costruzione di un RAID 1+0 ma, permette anche l'implementazione dei livelli 0, 1, 4, 5 e 6. Solitamente l'opzione software è molto più flessibile rispetto a quella hardware in quanto, permette la partizione dei dischi in differenti strutture Raid

UNITA' EXTENDER

E' un caso particolare di JBOD RAID 1 della home server del sistema operativo Microsoft (Windows Home Server): in realtà questo non è neanche un vero sistema Raid poichè le unità membri dell'array possono essere considerate come unità logiche separate o integrate con LVM, Logical Volume Manager di Linux che gestisce le varie unità

RAID 1.5

E' anche essa una implementazione hardware proprietaria che, per la sua particolarità si avvicina al decimo livello o 1+0 infatti, unisce la tecnologia di striping con quella mirroring

INTEL MATRIX RAID

E' una soluzione Raid proprietaria della Intel Corporation, produttrice di dispositivi a semiconduttore (processori, memorie, circuiti ecc..) che, può essere configurato come un RAID 0, 1, 5 e 10. Questo tipo di Raid permette di avere le alte prestazioni del RAID 0 e una buona ridondanza come nel RAID 1 , senza acquistare più di due dischi

Infatti, l'array composto dai due dischi viene diviso in due volumi separati, come se fossero due coppie di dischi. Normalmente, in un RAID 1 o 0 questo è possibile solo utilizzando ben quattro hard disk.

                                                                                                                 struttura-intel-matrix-raid

Configurazione array in RAID con SSD e recupero dati Configurazione array in RAID con SSD e recupero dati
Possibili configurazioni Raid con SSD, vantaggi e svantaggi, considerando anche il processo di recupero dati RAID con SSD: RAID 0 SSD, RAID 1 SSD, RAID 5 SSD, RAID 10 SSD.
Recupero dati SAN Storage Area Network Recupero dati SAN Storage Area Network
Servizi di recupero dati SAN (storage area network)con protocollo di comunicazione iSCSI e Fibre Channel.
Recupero dischi raid Recupero dischi raid
Operazioni di recupero dati da dischi assemblati in sistema Raid di ogni configurazione
Recupero dati Raid Roma Recupero dati Raid Roma
Attivita e tecnologie all avanguardia per il recupero dei dati su tutti i livelli e le configurazioni di Raid, in Laboratorio tecnico specializzato di Roma
Recupero dati sistemi Raid in camera bianca Recupero dati sistemi Raid in camera bianca
Il servizio di recupero dati da sistemi Raid con hard disk danneggiati meccanicamente, analizzati e operati presso la Nostra Camera Bianca professionale
Aiuto e consulenza immediata
Contatta il nostro call center, un nostro esperto è a tua completa disposizione, per aiutarti a risolverere qualsiasi caso di perdita di dati.
Contatti
Centro assistenza tecnica

Informazioni sui sistemi raid

Consulta la nostra libreria tecnica sui raid, la piu’ vasta biblioteca sulle tecnologie raid, le ridondanze ed i livelli. Raid Knowledge

Procedura

Scopri tutte le informazioni sulla nostra procedura di recupero dei dati dal telefono, dalla presa del supporto alla consegna dei dati recuperati, ai metodi di estrazione utilizzati e quali risultati si possono ottenere. Procedura

Garanzia totale

Non recuperiamo i dati dal tuo raid ?
Non pagherai nulla.
Neanche un centesimo di euro.